Manovra: ecobonus, bonus ristrutturazioni, mobili e facciate nel 2020

Ecobonus - Foto di Jens Neumann da PixabayFra le misure incluse in Manovra anche la proroga di ecobonus, bonus ristrutturazioni e bonus mobili. E spunta un bonus Facciate per chi rifà la facciata di casa o del condominio. 

Cosa ci sara’ nella Manovra 2020

Se la bozza di Manovra approvata dal Consiglio dei ministri "salvo intese" non subirà profonde modifiche, verranno prorogate le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, gli impianti di micro-cogenerazione, le ristrutturazioni e l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe energetica elevata.

E rispetto alla scorsa Legge di Bilancio arriva un nuovo bonus, dedicato a chi ritocca le facciate di case e condomini. 

Ecobonus, bonus ristrutturazioni e mobili confermati in Manovra

Le misure relativi ai bonus edilizi è inlusa nella bozza di Manovra, e nello specifico nel documento programmatico di Bilancio 2020 trasmesso alla Commissione europea. Nello specifico la proroga riguarda:

  • l'ecobonus: la detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici;
  • il bonus ristrutturazioni: detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio;
  • il bonus mobili: la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Ancora da vedere se e come il Governo, secondo quanto annunciato in Senato dal ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli nei giorni scorsi, metterà mano allo sconto in fattura per ecobonus e sismabonus, provvedimento introdotto dal decreto Crescita che ha scatenato l’ira degli addetti ai lavori e contro cui si sono scagliati tre disegni di legge e un gruppo di Regioni.

Quanto al sismabonus, la misura non ha bisogno di proroghe in quanto già operativo fino a tutto il 2021. 

Arriva il bonus facciate

Ispirato a una famosa legge francese degli anni sessanta, la cosidetta loi Malraux, che ha cambiato l’immagine di molte città della Francia, arriva in Manovra un bonus per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici.

"Nella legge di bilancio – scrive su Twitter il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini – una norma coraggiosa che renderà più belle le città italiane. Con il Bonus Facciate un credito fiscale del 90% per chi rifà nel 2020 la facciata di casa o del condominio, in centro storico o in periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni". 

Piano casa da 1 miliardo

La proroga dei bonus va a braccetto con il cosiddetto Piano Casa o piano Rinascitaurbana da 1 miliardo di euro per favorire il rilancio di interi quartieri, agendo contemporaneamente su tre fronti:

  • Rigenerazione degli edifici;
  • Sostegno alle famiglie in affitto;
  • Cantieri nei piccoli comuni.

Ai fondi del Piano Casa si accederà attraverso un bando pubblico del Ministero delle infrastrutture, e il finanziamento massimo che potrà essere richiesto è di 20 milioni di euro per ciascun progetto

Si prevede inoltre il cofinanziamento delle Regioni e la possibilità dell'apporto di risorse private, come quelle di Cassa depositi e prestiti e i fondi privati che si occupano dell’abitare. 

> Cosa prevede il Piano casa o Rinascitaurbana

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.